L'insaziabile

Michele Petrucci

Coconino

2020

“Ho sempre avuto fame, da quando ricordo… Chi ha bocca vuol mangiare”.

Dopo il grande successo di Messner, Michele Petrucci cambia completamente scenario e col suo nuovo romanzo biografico a fumetti ci porta nella Parigi della Rivoluzione francese. Per raccontare, ispirandosi a documenti scientifici e cronache d’epoca, l’incredibile eppure vera storia di Tarrare.

Un giovane contadino afflitto dalla maledizione della polifagia, malattia che provoca un appetito incontrollato e inesauribile e si manifesta con continui, mostruosi attacchi di fame. Un freak, vittima dell’ossessione per il cibo, in anni di carestie e di rabbia popolare, della fine di un mondo e dell’inizio di un altro.

Anno 1788: il giovane contadino Tarrare, un ragazzo dall’appetito abnorme, arriva a Parigi. La città è in preda a carestie e fame: la sofferenza e la rabbia del popolo esplodono in rivolte che porteranno l’anno successivo alla presa della Bastiglia e alla caduta della monarchia. Ma al fragile e ingenuo Tarrare tutto questo interessa poco. La sua ossessione è il bisogno continuo di riempirsi lo stomaco ingurgitando qualsiasi cosa: anche animali vivi e oggetti, se manca il cibo. Cacciato di casa dalla sua famiglia, ora si esibisce per le strade come fenomeno da baraccone, insieme a una compagnia di ciarlatani: tra loro il nerboruto Vincent, un ex schiavo di Santo Domingo, e la graziosa Clarisse, della quale Tarrare si innamora.

Si arruolerà poi nell’esercito rivoluzionario, dove il suo caso attira l’attenzione dei medici e diventa oggetto di sbalorditi resoconti clinici come la Memoria sulla polifagia del dottor Baron Percy. Ma nessuno riesce a curare la sua fame inesauribile. Tarrare si ritroverà così a vagabondare per le campagne francesi, e a unirsi suo malgrado a bande di ladri e briganti. Finché, gravemente malato, torna a Parigi per cercare di ritrovare Clarisse...

Basandosi su cronache e documenti scientifici di fine Settecento, Michele Petrucci crea un graphic novel avvincente e commovente: tra richiami a film come Freaks e Barry Lyndon, dalle sue suggestive tavole ad acquerello emerge il ritratto di un personaggio enigmatico e dolente che sembra aver incarnato gli appetiti e le inquietudini di un’intera epoca.

Per iscriverti alla newsletter

assaggi srl via degli Etruschi 4/14, 00185 Roma

tel 06.88659458 

e-mail info@libreriatomo.com 

P.I. 10951361004  

  • Facebook
  • Instagram